ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA FELICE DELFINO PDF

Riportiamo, qui di seguito, lo standard di lavoro del pointer in vigore in Italia, favorevolmente accolto dal Pointer Club Internazionale. La linea dorsale resta diritta, solo la renale si marca verso il basso e scatta come molla mentre gli arti posteriori si protendono indietro al massimo in poderosa sgroppata. Gli orecchi vibrano, ma non sbatacchiano troppo al disopra del cranio. Piantato il naso nel vento ad incidenza favorevole, poco si abbandona ad esami di dettaglio.

Author:Tataxe Vijin
Country:Togo
Language:English (Spanish)
Genre:Video
Published (Last):19 March 2018
Pages:395
PDF File Size:19.92 Mb
ePub File Size:20.10 Mb
ISBN:934-2-31655-400-7
Downloads:81161
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Gardalrajas



Riportiamo, qui di seguito, lo standard di lavoro del pointer in vigore in Italia, favorevolmente accolto dal Pointer Club Internazionale.

La linea dorsale resta diritta, solo la renale si marca verso il basso e scatta come molla mentre gli arti posteriori si protendono indietro al massimo in poderosa sgroppata.

Gli orecchi vibrano, ma non sbatacchiano troppo al disopra del cranio. Piantato il naso nel vento ad incidenza favorevole, poco si abbandona ad esami di dettaglio. La cerca incrociata si svolge lungo ampie diagonali rettilinee ben spaziate l'una dall'altra. Entrando in un lieve effluvio, devia la cerca verso l'origine presumibile, talvolta incrociando serrato, tal altra con puntata decisa ma senza troppo rallentare il galoppo.

Persuaso che si tratta di un falso allarme, riprende la corsa come sopra descritta. Testa e naso sempre alti. Quando, per contro, s'accorge che l'effluvio porta al selvatico, parte in filata talora facendola precedere da un breve arresto subitaneo con decisione sicura, a colpi di spada, con tempi di galoppo riunito, inframmezzato da rallentamenti e riprese di trotto serrato o di passo fremente, e di galoppo ancora, per concludere in un arresto subitaneo, di scatto, come se avesse urtato contro una barriera a noi invisibile: la ferma.

Eretto, statuario, il collo proteso quasi facente linea con la testa, la canna nasale orizzontale o ben montante, le nari dilatate, gli occhi sbarrati, demoniaci, gli orecchi eretti al massimo, i muscoli salienti, un arto anteriore sovente in completa flessione, ed uno posteriore sovente dimenticato inverosimilmente indietro talora pervaso il corpo da un tremito nervoso che si traduce in vibrazioni lievissime, involontarie, alla punta della coda rigidissima, tesa o leggermente arcuata in basso mai in alto.

In questo caso, e solo in questo, talvolta ferma a terra o accosciato, con conseguenza dell'irrigidimento della ferma e dell'istintivo ritirarsi, per sentirsi troppo a ridosso del selvatico. Si direbbe che egli non teme di perdere il fuggitivo. Quasi si diletta a lasciarlo allontanare, come fa il gatto quando gioca con il sorcio. Sempre eretto o appena flesso sugli arti, ma con lo sterno sempre ben lontano dal terreno, egli vuole e deve sempre dominare nel vento, appoggiandosi sempre e solo all'emanazione diretta.

Male si presta al comando di avvicinare troppo il selvatico immobile per determinare il frullo. In ogni caso avanza a strappate.

In terreno accidentato questi trialer saranno spesso fuori mano, per ritornarvi poco dopo. Trascuriamo di parlare dell'andatura in regressione o rinculo , che il pointer, come ogni altro cane, compie in genere solo per accidente: per sottrarsi all'imposizione di procedere o innanzi a un pericolo vero o presunto, eventualmente a precedere la fuga.

Questo il suo sviluppo: anteriore destro, posteriore sinistro, anteriore sinistro, posteriore destro. Si ha passo ordinario, allungato o raccorciato, a seconda che l'orma del posteriore copra, superi o non raggiunga quella dell'anteriore dello stesso lato.

Come, in genere, tutti i galoppatori, il pointer tende "naturalmente" a compiere passo ordinario. E preferisce cadere a trotto raccorciato, piuttosto che allungare il passo. Il pointer, meglio costruito per galoppare, esegue trotto ordinario con estrema disinvoltura, mentre preferisce cadere al galoppo piuttosto che allungare eccessivamente il trotto, salvo che non vi sia costretto ad esempio, se tenuto al guinzaglio, da conduttore in bicicletta.

Il pointer non si muove in ambio, se non in condizioni eccezionali e l'ambio non costituisce per lui, e per il cane in genere, andatura naturale. Lo si osserva in animali estremamente affaticati, indeboliti da malattia o vecchiaia o nelle femmine gravide.

Nel galoppo ordinario, il tempo di sospensione ha durata all'incirca uguale a quella degli appoggi. In tal caso, le battute divengono quattro, per dissociazione delle battute del bipede diagonale. La Cerca Al pointer chiediamo di trovare selvaggina dopo averne cercato il sentore, nel vento.

Di un pointer - come di qualunque altro cane da ferma, da cerca o da seguita - potremo dire che cerca solo quando lo vedremo darsi da fare per trovare un selvatico, impiegando il naso. E sia semmai, il metodo a condizionare lo stile e non viceversa. E condizionare non significa sacrificare o mortificare. A caccia come alle prove - che, quale che ne sia la formula, restano prove per Cani da caccia - o si tiene presente questo concetto o si perde di vista il concetto stesso di cane da ferma.

Collegamento, iniziativa e ordine. Inutile ripetere che il collegamento non dipende dalla distanza che separa il cane dal fucile. Anche se sei tu a credere di menare la danza, nel vortice di un valzer devi rispondere alla pressione della partner sulla tua spalla, se non vuoi uscire di pista e se vuoi evitare collisioni che ti costringano a porgere scuse.

E, per farlo, bisogna, prima di tutto, essere privi del senso del ridicolo. Se, a beccaccini come a starne, a cotorni come a beccacce, sei sempre tu a dover indirizzare la cerca del tuo cane, o hai sbagliato cane o lui ha sbagliato padrone. L' ordine , infine, e non da ultimo. E guai a scambiare l'ordine che rende utile la cerca con il geometrico disegno con cui viene eseguita. La Filata Precede la ferma e consiste nell'azione che il cane compie, dopo aver avvertito, per accertarsi dell'esatta provenienza dell'emanazione.

L'immagine di morbida prudenza che il termine filata richiama e che pare poco confacente con l'indole del pointer, cui si richiede di fermarsi di scatto, hanno fatto ritenere a qualche sprovveduto che il filare non gli si addica. La filata si impone, quando si impone, a tutti i cani da ferma ed il pointer la svolge inimitabilmente. Rara a vedersi su selvaggina ad emanazione contenuta, come a quaglie, particolarmente a cane fresco e ad andatura sostenuta.

Si assiste, per contro, a filate superbe quando il sentore giunge da lontano a cane dotato di gran naso. In presenza di selvatico, l'espressione non deve denunciare interrogativi o dubbi, ma far trasparire inesorabile certezza.

In quest'ultimo caso, difficile dire se per vizio acquisito, per carenza di sicurezza o per tutte e due le ragioni insieme. Si vedono fermare a terra pointer affaticati da ore di caccia ed appoggiarsi al terreno stremati, dopo una lunga, spasmodica attesa, con gli arti in tremito, di un padrone lontano o impegnato da un'erta spaccafiato; e si vedono, poi, riportare, reggendo a stento una preda che impedisce il respiro.

L'Accostata Provocata dal padrone che chiede all'ausiliare di indicare di preciso dove sta quel selvatico che ha fermato, se questi non si decide a sloggiare.

A caccia, cani esperti, disposti ad aspettarti, in ferma, all'infinito, cominciano talvolta ad accostare spontaneamente appena li si affianca pronti allo sparo.

Misteriosa, poi, non tanto: sento lo scatto quando mi leghi e quando mi leghi ce ne andiamo. Lo standard definisce la guidata del pointer "a colpi di spada". Serve ad evitare che, quando un cane incontra, l'altro abbia ad ostacolarne il lavoro nella delicata fase di conclusione inducendolo in errore o a guastare tutto per invidia. Ci sono cani disposti ad aspettare indefinitamente, in ferma, il cacciatore, ma non tollerano d'esser pressati da un compagno cafone, in presenza del quale forzano senza pentimenti.

In ogni caso, sia comando discreto e, soprattutto, il consenso sia eseguito in modo da denunciare almeno consapevolezza, se non proprio partecipazione. E continua, di suo: "Io credo che il consiglio di Floyd guardia di Sir J.

Sebright di avere qualche altro cane per riportare la selvaggina sia incontestabile ai nostri giorni, se si desidera un lavoro veramente di prim'ordine I pointer hanno attitudine al riporto come le altre razze da ferma. Nelle prove di caccia, quando il riporto era obbligatorio per tutti i cani qualificati, ho visto i pointer riportare bene quanto i continentali e quanto gli altri inglesi.

E talora meglio, che piaccia o no, anche dall'acqua. Ci sono corretti riportatori che non recuperano e cattivi riportatori che recuperano caparbiamente e con successo. Appoggio: consiste nella posatura dell'arto al suolo. Bipede laterale: i due piedi, anteriore e posteriore, dello stesso lato. Bipede diagonale : i due piedi, anteriore e posteriore, di lato opposto; si dice destro o sinistro, a seconda che ne facciano parte l'arto anteriore destro o sinistro.

Bipede anteriore: i due piedi davanti. Bipede posteriore: i due piedi di dietro. Lunghezza del passo: "la distanza che intercorre tra due orme consecutive del medesimo piede" Barbieri. Implica ampie falcate atte a coprire economicamente molto terreno: significa, semplicemente, il contrario di "raccorciato". Home Il Club Fondazione. Valle D'Aosta. Il Pointer. I predecessori. Campione Sociale. Trofeo Carlo Zironi. Europeo Grande Cerca. Prove di Lavoro Coppa Eu. Grande Cerca Int.

Un aneddoto. Giovanni Radice, un maestro di grande esperienza venatoria, si trovava insieme ad un aspirante giudice di prove di caccia durante un esame sul campo.

Guardando negli occhi il giovane, gli chiese brusco: "Ma lei, lasciando questo terreno si sente tranquillo sul fatto che il cane non abbia tralasciato selvaggina? Era un invito a meditare, che giro al lettore: un cane ha svolto un buon lavoro di cerca quando lascia in chi l'osserva impressione di non aver trascurato.

Standard di Lavoro. Le Andature. Le Azioni. In ogni caso, in piedi, il pointer. Zurlini, op. Attenzione al colpo di calore.

Il galoppo. Il galoppo "raccolto". Il pointer, mesomorfo raccolto, lo esegue con estrema eleganza e disinvolta compostezza. Cerca e rendimento. I cacciatori esperti stimano il valore di una buona cerca non inferiore a quello di un gran naso. Il fondo. La guidata a strappi. E qui sta il punto, soprattutto. Alle prove, si "vince" o si ottiene qualifica quando la ferma utile sia stata "correttamente" conclusa. In ogni caso, non si addicono al pointer guidate moscie, furtive gattonate o melense meline.

Ancor meno si tolleri che non sappia farlo. Un cane da ferma incapace di guidare resterebbe utilizzabile solo a patto di riuscire a convincere la selvaggina a rinunciare a sottrarsi di piede. E il giorno in cui la selvaggina fosse disposta a scendere a patti smetterebbe d'esser tale, rendendo inutili cani, fucili, fischietti, trombette e queste note.

BALOGH GYULA BOGUMIL SZELLEMGYGYSZAT PDF

Addestramento del cane da ferma

Registrera Logga in. Phillip and Felice. Hardcover, handcrafted gray paper covered boards quarter bound in white cloth. Paper label to front and spine. Exterior shows bumping and fraying with smudge marks, dark spot on rear board.

CDVM MAROC PDF

List huntingpassion Photos and Videos

.

CSD2120 P PDF

ISBN 13: 9788825300888

.

Related Articles